Documenti

Fare click sulla mappa per ingrandire

Shakedown “Colognola” (km 2,630)

Shakedown classico già utilizzato nelle scorse edizioni. Parte dalla località di Colognola con direzione Valcarecce. Rispecchia molto le caratteristiche delle prove speciali della manifestazione con tratti veloci e lenti in successione ed è caratterizzato da un fondo in buono stato di manutenzione.

E’ un tratto di strada che viene spesso utilizzato anche per i test di sviluppo e messa a punto delle vetture. La sua localizzazione è ottimale per i teams: si trova a poca distanza dal Parco Assistenza ed in ogni caso è prevista una zona assistenza dedicata lungo il trasferimento che riporta allo start.

Fare click sulla mappa per ingrandire

PS 1/5 “Colognola” (km 5,600)

Sabato 4 Maggio 2019 – 09:17, 13:16

Prova già effettuata nel 2017, che utilizza parzialmente il tracciato delle shakedown. Parte alle porte di San Pietro Acqualta ed il primo tratto è in salita e tortuoso con un fondo compatto, ma a tratti ondulato. Arrivati nelle vicinanze di Colognola si affronta un piccolo tratto di asfalto in discesa, per poi riprendere la terra nel percorso dello shakedown. In questa seconda parte la strada si velocizza pur rimanendo quasi totalmente in salita e con un fondo in buono stato di conservazione. Prova molto tecnica che nonostante la sua limitata lunghezza potrà comunque fare la differenza.

Fare click sulla mappa per ingrandire

PS 2/6/9 “Avenale” (km 5,180)

Sabato 4 Maggio 2019 – 09:58, 13:57, 17:25

Prova già utilizzata in passato, ma con la parte finale allungata. Si inizia appena fuori dell’abitato di Avenale con la prima parte medio lenta e dal fondo mosso; successivamente il tracciato si velocizza pur rimanendo in leggera salita e con un fondo più duro, per arrivare poi alla parte finale che è veloce ed in leggera discesa. La prova termina all’intersezione con la strada che porta al Crossodromo di Cingoli, con un fine prova molto spettacolare.
Nonostante la brevità è una prova molto selettiva, che alterna vari tipi di fondo e tipologie di carreggiata.

Fare click sulla mappa per ingrandire

PS 3/7/10 “Castel Sant’Angelo” (km 10,600)

Sabato 4 Maggio 2019 – 10:20, 14:19, 17:47

E’ una speciale classica dell’Adriatico, anche se effettuata in varie conformazioni e lunghezze negli anni. La prova parte alle porte di Santo Stefano, con i primi 2 km in discesa con curve molto spettacolari che si vedono anche dall’abitato. Successivamente si riprende a salire con una sequenza di curve medio lente. Avvicinandosi a metà prova si percorre un tracciato molto ritmato e tecnico, che termina alle porte di Castel Sant’Angelo, dove si percorre un piccolo tratto asfaltato prima di riprendere la terra con un fondo compatto e battuto molto ritmato, che può diventare molto insidioso in caso di pioggia.

Arrivati al Borgo di Panicali si inizia a salire con un terreno più duro, che ci porta fino alle vicinanze della pista di Motocross, dove è posto il fine prova.

E’ una prova impegnativa a livello di guida, dove cambia continuamente il ritmo ed il tipo di fondo: sarà sicuramente molto importante nell’economia della seconda giornata di gara.

Fare click sulla mappa per ingrandire

PS 4/8/11 “Dei Laghi” (km 11,930)

Sabato 4 Maggio 2019 – 11:07, 15:06, 18:34

E’ un’altra classica del Rally Adriatico. Parte con un tratto medio veloce in salita e dopo circa un km inizia una sequenza di curve in discesa con continuo alternarsi di
pendenze. Arrivati a fondovalle ed effettuato un innesto terra/asfalto/terra moto spettacolare la prova riprende a salire sempre con un andamento medio veloce. Verso metà prova vi è il tratto più rapido con una successione di curve veloci e rettilinei. Terminata questa parte si riprende con un saliscendi che alterna curve lente ad altre medio veloci, che richiedono un continuo cambio di ritmo. La parte finale, dopo un piccolo tratto di asfalto, interessa un percorso stretto e mosso, un po’ diverso come tipologia rispetto al resto della prova.
Prova molto bella e selettiva, con un fondo liscio e compatto, ha la caratteristica di essere veloce e visibile per lunghi tratti dalla parte superiore del tracciato. Sarà sicuramente una prova che farà classifica, oltre che per la lunghezza (è la più lunga del rally), pure per la massima concentrazione che richiederà ai piloti.